Parrocchia Gesù Buon Pastore
Fai una donazione per supportare Il Cine-Forum di Carlo e Flavio
Prenota il tuo spazio pubblicitario su questo sito

Vai alla pagina FACEBOOK de Il Cine-Forum di Carlo&Flavio


Ultimi Film visti al Cinema - Consigli e opinioni
Potete lasciare un vostro commento
selezionando il titolo del film




pag. 1  2  3  4 ELENCO COMPLETO
 
Cattivissimo Me 3
(di L’Irriverente)
 

Gru e Lucy non riescono a fermare il temibile Balthazar Bratt, un cattivo rimasto ancorato agli anni ’80 e al suo passato da bambino prodigio. Nel frattempo Gru scopre di avere un fratello con il quale torna ad essere il “cattivissimo” di un tempo per cercare di acciuffare l’acerrimo nemico e riottenere il lavoro perso a causa sua.

Tra effetto nostalgia e Minions … risate garantite per tutta la famiglia in questo terzo capitolo della fortunatissima saga.

 
0Sei d'accordo con questa recensione?0
0%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Guardiani della Galassia - vol.2
(di L’Irriverente)
 

In una delle loro avventure, il gruppo di sgangherati e svogliati eroi della Galassia si imbatte nel vero padre di Peter (il capobanda). I due provano a riallacciare i rapporti, ma non tutto è come sembra…Ancora una volta, loro malgrado, dovranno darsi da fare per mantenere la pace nell'intera galassia!

Un film che parla di famiglia e amicizia senza mai prendersi sul serio. Azione e divertimento a non finire in uno dei sequel più attesi di sempre.

 
0Sei d'accordo con questa recensione?0
0%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Capitan Mutanda
(di L’Irriverente)
 

George e Harold, due amici dalla fervida fantasia, amano inventare storie e disegnare fumetti su uno strambo supereroe “Capitan Mutanda”. Un giorno scoprono di poter ipnotizzare il loro perfido preside e di farlo comportare come il loro eroe… Tra avventure e situazioni divertenti, i due ragazzi e Capitan Mutanda si ritroveranno a dover sgominare i piani diabolici di uno spietato professore di scienze in cerca di vendetta.

Ispirato al personaggio creato da Dav Pilkey negli anni novanta, Capitan Mutanda propone umorismo intelligente attraverso IL supereroe che mancava nel panorama dei supereroi in calzamaglia, che sembrano indossare sempre dei mutandoni come Superman o Batman… beh lui… li indossa davvero!

 
0Sei d'accordo con questa recensione?0
0%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Spiderman Homecoming
(di L’Irriverente)
 

Peter Parker, ancora euforico per aver conosciuto Tony Stark e aiutato gli Avengers (in Capitan America – Civil War) torna a casa speranzoso di poter essere di nuovo un eroe. In attesa di essere contattato ancora una volta da mister Iron Man, cerca di tenersi in forma sventando la piccola criminalità che serpeggia nella sua città. Tony Stark, però, vorrebbe che il ragazzo cresca e raggiunga la giusta maturità prima di metterlo di nuovo in pericolo. Nel frattempo, però, il giovane uomo ragno si imbatte in un personaggio losco che si fa chiamare “Avvoltoio” e che utilizza armi con tecnologia aliena trafugate dall’ultima battaglia degli Avengers.

Un film che somiglia del tutto ad una tipica commedia adolescenziale anni ’80 che mescola sapientemente l’azione e la fantascienza ad un dialogo molto spiritoso. Finalmente, dopo un reboot e il suo sequel poco convincenti, Spiderman torna ad essere uno dei migliori personaggi dell’universo Marvel

 
0Sei d'accordo con questa recensione?0
0%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Rogue One - A Star Wars Story
(di Penelope Pit-Stop)
 

Un episodio indipendente, con il fascino di sempre.

Ambientato prima degli eventi narrati in Star Wars Episodio IV: Una Nuova Speranza, Rogue One non delude le aspettative e regala scene spettacolari, come saga comanda, e una squadra di nuovi indimenticabili personaggi uniti da una pericolosa missione. Accompagneremo Jyn e gli altri ribelli alla ricerca del padre della ragazza, e li vedremo all’opera nell’impossibile compito di fermare… la Morte Nera!

Imperdibile! Per seguaci della Forza e non!

 
1Sei d'accordo con questa recensione?0
100%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Oceania
(di Penelope Pit-Stop)
 

Partire o restare? Voi sentite il richiamo del mare? Dell’avventura? Del viaggio?

Allora, seguite la coraggiosa Vaiana oltre il confine della barriera corallina, bastano una zattera e degli amici per sfidare il mare aperto e svelare segreti!

Per ricordare a grandi e piccoli il sapore e l’emozione del viaggio.

 
1Sei d'accordo con questa recensione?0
100%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Animali fantastici e dove trovarli
(di Penelope Pit-Stop)
 

Una volta era il vaso di Pandora a perdere il proprio contenuto, oggi è la valigia del magizoologo Newt a perdere creature magiche qua e la! Che guaio…!

Questa intricata e coinvolgente storia parte da due valige scambiate, e si sviluppa alla ricerca degli animali fantastici da recuperare, in un vortice di inseguimenti ed incantesimi fino ad un… dolce finale!

Jacob e Newt vi aspettano per vivere insieme questa emozionante avventura!

 
0Sei d'accordo con questa recensione?0
0%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Trolls
(di Penelope Pit-Stop)
 

Una storia perfetta per una serata in allegria, perché questa è una fiaba moderna e ballerina sull’amicizia, la lealtà e la ricerca della Felicità! Ci troveremo al seguito della Principessa Poppy, travolti da balli, canti ed abbracci e trascinati in una pericolosa avventura!

Un musical coloratissimo che con i suoi divertenti dialoghi piacerà a piccoli e grandi!

Non potete mancare!

 
0Sei d'accordo con questa recensione?0
0%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Doctor Strange
(di Technino)
 

Doctor Strange, diretto da Scott Derrickson con protagonista Benedict Cumberbatch, ci porta all’esplorazione di un volto poco noto dei cinecomic Marvel, ovvero quello del misticismo.

Arrogante, egoista e senza dubbio eccellente nel suo lavoro, il Doctor Strange è un neurochirurgo di fama mondiale. Le sue mani compiono miracoli, la sua conoscenza del corpo umano è ineccepibile e la sua vita è un perno che ruota attorno a un ambiente sterile, competitivo, stimolante, noto: l’ospedale in cui lavora. Ma cosa succede quando un incidente lo priva dell’uso delle mani e la sua esistenza sembra non avere più senso?

La disperazione lo conduce a cercare risposte e salvezza in un luogo in cui non avrebbe mai creduto di metter piede, in un’enclave in Nepal in cui dimora l’Antico (Tilda Swinton). C’è però un prezzo da pagare, un prezzo che va oltre i soldi e le ore passate sotto i ferri in sala operatoria; il prezzo è essere disposti a sconvolgere tutto ciò che fino a quel momento si dava per scontato, inclinandosi alla prospettiva più ampia delle arti magiche.

Attraverso il modo di vedere le cose di Doctor Strange Scott Derrickson prova ad aprire il nostro terzo occhio, immettendo nella pellicola riferimenti alla filosofia asiatica, arti marziali e oggetti mistici.

Corpi astrali che compiono ciò che che la mente vorrebbe portare a termine, se non fosse legata alla materia; pensieri che dominano il corpo e magie che si apprendono da libri scritti in lingue dimenticate.

Il protagonista corre per sfuggire al cattivo Kaecilius (l'ottimo Mads Mikkelsen) e ai suoi zeloti inerpicandosi in grattacieli ondeggianti, strutture architettoniche che si accartocciano su se stesse, scale che si moltiplicano e si intrecciano, dimensioni che non seguono la consueta logica della fisica quantistica e che sembrano uscite dalle illustrazioni fantastiche di Escher.

Suggellano la magia oggetti dalla storia atavica e dal fascino eterno, come la cappa della lievitazione, e l’Occhio di Agamotto (una delle Gemme dell’Infinito), che permette di giocare col tempo mandandolo avanti e indietro o creando loop temporali

In conclusione, un film Marvel che si disposta dagli altri e che ha nella scenografia fantasmagorica e nel carisma degli interpreti il suo punto di forza.

 
1Sei d'accordo con questa recensione?0
100%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Star Trek - Beyond
(di Technino)
 

Il terzo capitolo della nuova serie non vede più dietro la macchina da presa J.J. Abrams, che aveva diretto Star Trek (2009) e Into Darkness - Star Trek (2013) e rimane comunque in veste di produttore. Ora c'è Justin Lin, il regista della saga di Fast & Furious. Il regista taiwanese fa un ottimo lavoro, coniugando interrogativi personali dei protagonisti a combattimenti e spirito di gruppo, con dialoghi talvolta ironici al punto giusto. 

Il film e' dedicato alla memoria di Leonard Nimoy, interprete di Spock nella serie televisiva degli anni '60, e ad Anton Yelchin, il giovane interprete dell'ufficiale di origini russe Pavel Chekov, scomparso recentemente per un incidente stradale. L'attore non verra' sostituito nel prossimo film della serie, che invece si arricchira' del ritorno di Chris Hemsworth nei panni di George Kirk, padre del capitano Kirk di Pine. 

Rapida sinossi del film: in una missione di salvataggio di cui si era sottostimata la pericolosita', l'Enterprise cade in trappola e si trova a fronteggiare Krall, un nemico altamente pericoloso, che coltiva un odio profondo verso la Federazione. Lo interpreta Idris Elba che pero', anche se truccato con una pesante corazza che lo rende simile ad un rettile, non raggiunge il carisma oscuro e penetrante del terrorista intergalattico Khan interpretato da Benedict Cumberbatch in Star Trek - Into the Darkness.


Tra le new entry non è un villain a brillare, questa volta, ma un alleato. Anzi, un'alleata. Sulla superficie di Altamid, il capo ingegnere dell'Enterprise Scotty (Simon Pegg) si ritrova a dover dipendere da Jaylah, un'aliena agile e furba, determinata e sicura di sé, che maneggia con destrezza la mimetizzazione olografica. Viso bianco attraversato da striature nere, occhi giallo lucente da gatto, Jaylah ha un look seducente e cattura subito l'attenzione dello spettatore; la interpreta la ballerina e attrice francese Sofia Boutella.  

In Star Trek beyond i membri dell'Enterprise devono affrontare avventure con ambientazione simile a quella della serie originale, nei più remoti luoghi della galassia. Non a caso il numero di alieni presenti in questo film è maggiore di quello dei due primi film messi insieme. Oltre a Jaylah e Krall, gli artisti del make-up e del reparto costumi hanno creato più di 50 razze aliene diverse! La serie originale viene anche ricordata con il bellissimo tema musicale dei titoli di coda, lo stesso della serie televisiva, che trasporta lo spettatore in uno spazio fantasmagorico di nebulose colorate. 

In conclusione: un film spettacolare che entusiasmera' gli appassionati della serie ed, in generale, gli amanti della fantascienza
 
4Sei d'accordo con questa recensione?0
100%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

L’uomo che vide l’infinito
(di Technino)
 

Il film del regista Matthew Brown racconta la storia vera di un genio della matematica indiano, Srinivasa Ramanujan (Dev Patel), tanto testardo quanto brillante, acuto e intuitivo, da riuscire a farsi convocare al Trinity College di Cambridge da colui che diventerà il suo mentore, il celebre professore di matematica GH Hardy (Jeremy Irons, bravissimo), sorpreso e conquistato a tal segno dalle doti di quel genio che "vedeva" la soluzione dei problemi matematici senza passare attraverso una dimostrazione, sostenendo di essere stato ispirato da una divinita' indiana.

Il film, all’interno della biografia raccontata molto bene, facendo attenzione ai particolari di ricostruzione scenografica e storica, riesce a far intuire la bellezza e l'importanza delle formule matematiche, che riescono a rappresentare, in maniera astratta, fenomeni fisici: alcune delle ultime formule di Ramanujan vengono tuttora utilizzate per predire il comportamento dei buchi neri!

Interessante anche lo studio delle "partizioni" (in quanti modi si puo' ottenere un numero come somma di numeri interi), che ha portato a scoprire che i numeri di una partizione si comportano come frattali, in apparenza disordinati ed incongruenti, ma che, se osservati livello microscopico, sono composti da schemi ordinati che si ripetono. Chi fosse interessato, anche non essendo un matematico puro, a questo link trova un articolo a livello puramente divulgativo che spiega la natura del problema:

http://www.focus.it/scienza/scienze/risolto-il-mistero-dei-numeri-di-partizione-sono-frattali-1929191-129010


Il film si vede con emozione fino alla fine, grazie al ritmo della regia e del montaggio, e risulta quindi godibile anche a chi non sia un appassionato di matematica pura, una scienza che, secondo Bertrand Russel, "possiede non soltanto la verità ma anche una suprema bellezza”.

 
8Sei d'accordo con questa recensione?0
100%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Angry Birds - Il Film
(di L’Irriverente)
 

Red, l'uccello rosso rabbia dalle folte ciglia, sembra essere la nota stonata all'interno del suo villaggio di uccellini sempre felici e contenti, convinti che il loro sia l'unico mondo esistente. Red è emarginato dal gruppo e nessuno lo ascolta perchè è sempre scorbutico e controcorrente. Un giorno, però, la pace viene interrotta dall'invasione di malvagi maiali verdi e Red difenderà il villaggio avendo, così, l'occasione di riscattarsi agli occhi di tutti.

Impossibile, oggi, non conoscere il popolo degli uccelli che ha invaso gli smartphone di tutto il mondo e ogni apparecchio mobile e non con il suo folle videogame. Sembrava praticamente impossibile, ma dopo una prima conversione in cartone animato, i personaggi di Angry Birds riescono a mettere in scena una storia per il loro debutto al cinema. E ci riescono benissimo, sempre con la loro personale ironia.
Per i più piccoli e non!

 
1Sei d'accordo con questa recensione?0
100%
 
0%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Captain America - Civil War
(di L’Irriverente)
 

Nonostante i gloriosi successi del passato, la Marvel non si smentisce e sforna un film che, sebbene ricco d'azione, per la prima volta fa fermare i supereroi a riflettere sulle loro azioni.

E' giusto sacrificare, per sconsideratezza, molte vittime per salvarne molte altre ?
O bisognerebbe difendere la giustizia con le dovute accortezze per salvare sempre il massimo numero di civili ?
Gli Avenger non la pensano tutti allo stesso modo e per questo nasce al loro interno una guerra civile che al film regalerà altre emozioni oltre a quelle che i nostri eroi offriranno contro il malvagio di turno.

E la battaglia c'è stata anche tra Major cinematografiche! La Marvel è riuscita a trovare un ottimo compromesso e finalmente, dopo anni, riesce a recuperare dalla Sony uno dei suoi personaggi più importanti, se non il più importante... Spider-Man ! Che farà la sua apparizione al fianco di Iron Man e la sua presenza preluderà ad un vero reboot in casa, dopo gli insuccessi tra i fan dei due "Amazing Spiderman". Il soggetto è quello che ci si può aspettare da un film di supereroi. Lasciatevi, quindi, trasportare dalle immagini, gli effetti speciali e non pensate più a niente.

 
3Sei d'accordo con questa recensione?1
75%
 
25%
Sono presenti 2 recensioni di questo film
- Leggi TUTTE le recensioni del film -
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

Captain America - Civil War
(di Technino)
 

Dopo tanti film bellissimi (ad eccezione dell'ultimo Age of Ultron, che aveva gia' iniziato la parabola discendente...) la Marvel tocca il fondo con questo Captain America - Civil War.

Un film che, per piu' di tre quarti della sua durata, consiste solo di battaglie interminabili fra supereroi, "giustificate" dal fatto che una parte di loro vuole obbedire ad uno stupido patto con l'ONU che pretende di dare il suo consenso preventivo ad ogni azione di difesa, mentre l'altra parte vorrebbe intervenire "senza chiedere il permesso" ogni volta che c'e' una minaccia per l'umanita' (i dialoghi del film vertono quasi esclusivamente su questo...).

Alla fine non se ne puo' piu' di battaglie fratricide e, tra l'altro, la scelta dei registi Anthony e Joe Russo di utilizzare quasi sempre le riprese ravvicinate non premia lo spettacolo sul grande schermo.

Un film non puo' prescindere dal soggetto, e questo della Marvel proprio non ce l'ha: dialoghi ripetitivi e spesso vuoti di significato comune, personaggi che si comportano in maniera assurda (Iron Man si comporta piu' da "avvocato delle cause perse" che da supereroe), battaglie fuori luogo (ridicolo mettere gli Avengers l'uno contro l'altro, stesso errore fatto dalla DC Comics con l'ultimo Batman vs. Superman), non c'e' una situazione che sia divertente ed interessante come nei film precedenti, alla fine si ha la sensazione di aver visto solo un videogioco.

Vi domanderete allora: come mai la critica ha dato al film 4 stelle? La risposta sta nella "potenza" della Disney....

 
1Sei d'accordo con questa recensione?2
33%
 
66%
Sono presenti 2 recensioni di questo film
- Leggi TUTTE le recensioni del film -
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

The Dressmaker - Il Diavolo è tornato
(di Technino)
 

"I'm back, bastards!"....Sono poche le attrici in grado di far intuire la portata della performance che stanno per compiere fin dalla prima battuta pronunciata. Una di queste è proprio Kate Winslet, protagonista di The Dressmaker – Il diavolo è tornato, per la regia di Jocelyn Moorhouse, uno dei titoli più attesi per il 2016, già record di incassi in Australia e titolare di 13 nominations agli AACTA Awards.

Un film drammatico con qualche spunto di commedia, ambientato nel 1951 in un paesino sperduto nell’outland australiano, in cui la tragicità degli eventi narrati viene sapientemente dissacrata grazie ad una sceneggiatura brillante, interpretata da un cast di grande talento, con protagonisti tutti perfettamente calati nei loro ruoli di personaggi miserabili, pedine e insieme parti attive di una vita di paese bigotta ed opprimente.

Tratto dall’omonimo romanzo di Rosalie Ham, The Dressmaker- Il diavolo è tornato, narra le vicende di Tilly Dunnage (Kate Winslet), un’affascinante e talentuosa sarta e creatrice di moda che, dopo anni di lavoro nei più prestigiosi atelier di moda europei, decide di tornare in Australia nel suo paese natale, Dungatar, per assistere la madre Molly (una straordinaria Judie Davis), una donna che sembra non ricordare piu' la figlia, ma soprattutto per affrontare e chiudere i conti con quel passato che l’ha vista costretta a lasciare il paese dove viveva da bambina...

Durante il suo difficile percorso, la donna trova il sostegno e l’amore del bel Teddy (Liam Hemsworth) e del sergente Farrat (Hugo Weaving), che ai tempi della presunta colpa di Tilly barattò la sua reputazione con il destino della ragazza, la cui ingiusta maledizione continua ad avere una serie di effetti che solo la giustizia della verità  può interrompere.

The Dressmaker è un’intelligente metafora di quanto le malelingue possano condizionare la vita delle persone: in una realtà in cui le apparenze sono tutto, a Tilly non resta che combattere i suoi nemici sfruttando le loro stesse debolezze, irretendo i responsabili della sua rovina col fascino irresistibile dell’apparire belli ed in forma smagliante grazie ad un abito capace di farli sentire non più se stessi ma chi desiderano essere.

Tilly, invece, non vuole altro che riappropriarsi della propria identità e del proprio rapporto con una madre che ha fatto dell’oblio un’arma per non cedere alla disperazione, vittima anche lei di una piccola e torbida società di falsi perbenisti, costretti dalla scaltrezza di Tilly a liberare l’armadio dagli scheletri per fare posto ai loro nuovi sfavillanti abiti…

Kate Winslet dimostra ancora una volta la sua impeccabile padronanza della scena, costruendo un personaggio carismatico e torbidamente affascinante, una donna maledetta dalla pochezza dei suoi concittadini, che sconta la pena per una colpa non commessa.
La regia, elegante e di grande impatto scenico, di Jocelyn Moorhouse, autrice anche della sceneggiatura, completa un film ottimamente riuscito, che non manchera' di emozionare lo spettatore.

 
15Sei d'accordo con questa recensione?1
93%
 
6%
- Scrivi la tua recensione -
_______________________________________________________________________

pag. 1  2  3  4 ELENCO COMPLETO

TOP PAGE
BLU OTTICA ROMA         ARTPARFUM         INQUADRATURE OBLIQUE
TUTTI GLI ANIMALI           Prenota il tuo spazio pubblicitario su questo sito         

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi
un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7/3/2001 o un giornale on line poichè sprovvisto di registrazione al tribunale nonchè di numerazione progressiva.

© 2007 RealDream - All Rights Reserved